Primo PianoSerie B

SPEZIA-TERNANA: 1-1 ANCORA SOTTO, FORTE LA RIPRENDE, MA NON BASTA

Serie B 2017/18 – Trentesima Giornata

10/3/2017 – ore 15

Stadio Alberto Picco della Spezia

Arbitro: MARTINELLI di Roma 2 – 5

SPEZIA

1

1

TERNANA

(4-3-1-2)
6 – DI GENNARO 33
 6,5 – DE COL
23
 6,5 – TERZI 19
 6 – CECCARONI 6
 5,5 – LOPEZ
3
 5,5 – MAGGIORE
25
 6 – BOLZONI 7
 6,5 – PESSINA
21
 6,5 – MASTINU
26
 7 – MARILUNGO 39
 6,5 – FORTE 9
6 – GALLO
All
A disposizione
MANFREDINI 43
 CAPELLI
4
GIANI
5
JUANDE
8
 GILARDINO 10
 AUGELLO 13
 6 – MORA 16
DE FRANCESCO 18
MASI 28
 S.V. – GRANOCHE 29
VATTERONI 38
 S.V. – AMMARI 42
(4-3-1-2)
22 SALA – 6,5
2 VITIELLO – 6,5
15 RIGIONE – 6
5 SIGNORINI – 6,5 
3 FAVALLI – 6
25 DEFENDI –
27 BORDIN – 6,5 
21 SIGNORI – 6,5 
16 TREMOLADA – 6,5 
32 MONTALTO –
10 FINOTTO –
All DE CANIO 6
A disposizione
1 PLIZZARI
4 VALJENT – S.V. 
6 ANGIULLI
7 STATELLA
8 VARONE – S.V. 
9 PIOVACCARI
11 ALBADORO
13 FERRETTI – 5,5 
14 REPOSSI
 19 ZANON
20 CARRETTA
 26 GASPARETTO

Gol: 28′ FINOTTO, 44′ FORTE.

Angoli: 14 – 2

Recuperi: 0‘ – 6

Note: Giornata con cielo coperto, terreno ottimo.

Spettatori: 732 paganti (47 ospiti), 4.200 abbonati – incasso 3.818 + 25.143 abb.

Servizi sulla gara
Top & Flop della sfida del Picco
DAI UN VOTO ALLA SQUADRA
Il PAGELLONE di Enrico Lazzeri
Intervista a Mister Gallo
Intervista a Francesco Forte
Intervista a Mister De Canio

 

CECCARONI – MAGGIORE – FORTE LE NOVITA’ IN CASA SPEZIA, MONTALTO – FINOTTO GUIDANO L’ATTACCO UMBRO

Reduce dal passo falso contro il Cesena, lo Spezia cerca il riscatto contro la Ternana, ultima della classe, ma rilanciata dall’arrivo in panchina del navigato De Canio. Per la seconda gara consecutiva tra le mura amiche, Gallo si affida al rodato 4-3-1-2, lanciando dal 1′ Di Gennaro tra i pali, De Col, la novità Ceccaroni, Terzi e Lopez sulla linea difensiva, Pessina, Bolzoni e Maggiore – preferito a Mora – con Mastinu dietro il tandem d’attacco composto da Marilungo e Forte. In panchina Granoche e il rientrante Gilardino.

Speculare lo schieramento delle Fere, con Sala in porta, Vitiello, Rigione, Signorini e Favalli in difesa, Defendi, Bordin e Signori a centrocampo, Tremolada in posizione di trequartista alle spalle del duo Montalto – Finotto.

FINOTTO COLPISCE, FORTE LA RADDRIZZA

Dopo il toccante minuto di silenzio dedicato alla tragica scomparsa di Davide Astori, il Signor Martinelli dà l’avvio alle danze in un Picco a larghi tratti vuoto, complice anche un clima non proprio amico. Due minuti di cronometro e la prima occasione porta la firma di Mastinu, che con una sorta di tiro – cross dal limite rivolto a Forte sfiora di poco il palo alla sinistra di Sala.

A fare la partita è però una Ternana tosta, equilibrata e a un passo dal vantaggio al 12′ quando Defendi manca di poco il bersaglio dopo l’ottima imbeccata dalla sinistra del figlio d’arte Favalli.

Sorpresa dal vigore delle Fere, lo Spezia cerca di farsi avanti sfruttando le palle da fermo, come in occasione del colpo di testa di Terzi al quarto d’ora – di poco a lato – e del tentativo a botta sicura di Pessina al 20′, deviato provvidenzialmente dall’intervento di Rigione.

Troppo poco, però, per impensierire la squadra umbra, avanti al 27′ grazie alla rasoterra di Finotto, nato dagli sviluppi di un calcio di punizione sulla destra dove la difesa aquilotta è colpevolmente complice di non comprendere lo schema ospite. Frastornati dal colpo subito, i ragazzi di Gallo rischiano addirittura di capitolare pochi istanti più tardi, ma Signorini, ricevendo da corner, grazia Di Gennaro colpendo di testa il palo esterno.

Gol sbagliato da una parte, gol segnato dall’altra: la dura legge del gol non risparmia neanche il Picco, premiando la caparbietà di uno Spezia orfano di Mister Gallo – espulso per proteste – ma generoso e in rete allo scadere con la bordata in area di Francesco Forte.

Palla al centro, duplice fischio dell’arbitro e tea caldo per tutti.

IL PALO DICE NO A PESSINA, AL 90′ E’ UNO A UNO

Ripresa subito emozionante con il miracolo di Sala su Marilungo – ottima la pennellata di Mastinu – e il tentativo a giro dello stesso fantasista sardo, terminato però alto sopra la traversa.
Chiaro il copione di una ripresa che vede le Aquile costantemente in avanti alla ricerca del due a uno: clamorosa al 65′ la palla gol capitata sulla testa di Pessina – ottimo il cross dalla sinistra di Lopez – ma il pallone, dopo essersi stampato sul palo interno, percorre tutta la porta terminando incredibilmente fuori.

In difficoltà, De Canio manda in campo Ferretti – Valjent per Defendi – Tremolada, mentre sul fronte opposto Maggiore e Mastinu cedono  il passo a Mora e Ammari, anche se, di fatto, dopo una mezz’ora di fuoco, ad eccezione della conclusione imprecisa di Pessina, i rispettivi attacchi faticano a superare le difese avversarie: Chiappara si gioca quindi la carta Granoche – out Forte – dentro a dieci dal termine assieme a Varone – esce Bordin – , ma il risultato non cambia, nonostante la dubbia punizione a due fischiata nel finale agli ospiti: tra Spezia e Ternana è uno a uno.

Tabellino e Voti Enrico Lazzeri

Tags

Andrea Licari

Nato a la Spezia, laureato in scienze politiche, giornalista pubblicista, allenatore del settore giovanile Asd Brugnato Calcio. Ha collaborato con l'emittente televisiva Ttnews24 e per La Nazione di Spezia, collabora con Cronaca 4 e SpeziaCalcioNews dal 2014.

Articoli Correlati

Commenta

Leggi anche..

Close
Close