Primo PianoSerie B

Qui Bari – E’ certo solo il 4-3-3, ma potrebbero esserci tante novità

[ot-caption title=”Fabio Grosso con Gallo nella gara di andata – Foto Patrizio Moretti” url=”https://speziacalcionews.it/quotidiano/files/uploads/2017/09/Grosso.jpg”]

In casa Bari, digerito il pareggio-beffa contro la Pro Vercelli, si è immediatamente tornati al lavoro sul campo in vista della sfida di recupero di oggi pomeriggio al San Nicola contro lo Spezia.
Nella giornata di ieri la squadra ha svolto presso l’Antistadio San Nicola la tradizionale seduta di rifinitura, seguita dalle dichiarazioni di mister Fabio Grosso ai microfoni della vigilia: “Per noi lo Spezia non è una gara cruciale, ma un jolly da dover sfruttare nel migliore dei modi”, ha spiegato il tecnico biancorosso, “è ancora presto per poter parlare di gare da dentro/fuori, la Serie B è un campionato lunghissimo e per questo la nostra arma in più per il prosieguo della stagione dovrà essere l’equilibrio.

Il campione del mondo 2006 si è detto comunque ancora in forte dubbio sulle scelte dell’11 titolare, anche se “qualche cambio rispetto a Sabato sarà inevitabile per recuperare energie mentali”: ad ogni modo non saranno della partita Gyomber e Floro Flores, rimpiazzati rispettivamente da Diakitè e Kozac.
I galletti non rinunceranno comunque al 4-3-3 che vedrà la presenza di Micai tra i pali, Sabelli, Diakite, Marrone e D’Elia in difesa, Petriccione (che darà fiato a Tello), Basha e Henderson in mezzo al campo, mentre con tutta probabilità Galano da una parte e Cisse dall’altra (anche se non è da sottovalutare un possibile rientro dal 1′ minuto di Improta) recheranno sostegno all’ariete ceco Libor Kozac, riferimento puro del reparto offensivo barese, finora non tanto decisivo in chiave realizzativa, ma fondamentale nel lavoro sporco a sostegno della squadra.

Alla vigilia mister Grosso ha tentato in tutti i modi di stemperare l’importanza di questo recupero, attribuendogli l’apellativo di jolly, quasi la considerasse una gara in più, al di fuori dell’ordine canonico delle 42 giornate di campionato; probabile sia pura strategia, perché l’ambiente di Bari lo conosciamo, la pretesa e l’ambizione è all’ordine del giorno, ma si sa, affossare troppe pressioni su una squadra in uno stato non di grazia non è mai un buon auspicio.
Per riscattare la brutta prestazione di 3 giorni fa, Grosso sarà chiamato ad un solo risultato, la vittoria; non dovesse riuscire ad imporsi, la piazza tornerebbe a rumoreggiare per mancanza di risultati e inevitabilmente anche il suo posto a non essere dunque così stabile.
Inutile nasconderlo, per entrambe domani sarà un vero spartiacque..

Tags

Leonardo Stefanelli

Nato a La Spezia e Diplomato al Liceo Classico Lorenzo Costa, sta frequentando la facoltà di Lettere Moderne presso l'Università di Genova. Calciatore dilettante nella Forza e Coraggio, dal 2017 collabora come redattore di SpeziaCalcioNews.

Articoli Correlati

Commenta

Close