Primo PianoSerie B

L’avversaria – Salernitana: Arechi stadio bollente, granata imbattuti in casa

Salernitana imbattuta in casa, con 4 vittorie e 2 pareggi. L’Arechi, anche in questa stagione, si conferma stadio mattatore. I granata, vengono dalla sconfitta di Venezia, ma in precedenza vantavano un’imbattibilità di 6 turni.

La prossima sfida dello Spezia, vedrà gli aquilotti impegnati in una trasferta dal coefficiente di difficoltà altissimo.
Imporsi, o meglio, uscire illesi dall’Arechi di Salerno, è da sempre impresa ardua.
Il tutto diviene ancor più complesso, se la Salernitana che andrai ad affrontare finora non ha mai perso in casa, arrestando la corsa di squadre come Hellas e Palermo.
Parlano i numeri, in 6 sfide tra le mura amiche, 4 vittorie e 2 pareggi. Numeri importanti, che hanno portato l’ippocampo, a suon di vittorie casalinghe, nei piani altolocati della graduatoria.

Ovviamente, come spesso accade in Serie B, ad un rendimento da rullo compressore in casa, corrisponde tutt’altra tendenza di risultati in trasferta. La Salernitana lontano dall’Arechi non ha mai vinto, collezionando un misero bottino di 3 pareggi, che comunque non vietano, alla città di Salerno, per quest’anno di pensare in grande.
posto in classifica, a quota 17 punti con 11 partite lasciate alle spalle. Sì, perché i granata troveranno il turno di riposo proprio dopo la sfida allo Spezia. 

Ghiotta occasione dunque per Colantuono e i suoi, per tornare subito a correre dopo la sconfitta di Venezia, la seconda della stagione, capace di raggelare gli entusiasmi della tifoseria. 
Prima di questa trasferta, i risultati utili consecutivi dei granata però erano addirittura 6.

In effetti, Sabato la Salernitana giocherà con la pressione addosso, in seguito alle contestazioni settimanali indirizzate da una tifoseria eccessivamente esigente verso mister Colantuono.
Guardando la classifica, queste accuse lasciano un po’ perplessi, considerando che da anni la Salernitana non si trovava così in alto. 

Pericolo numero uno, sarà Riccardo Bocalon, capocannoniere della squadra con 4 reti.
L’associazione di questo nome alla sfida di Coppa Italia di 3 anni fa contro l’Alessandria, è per noi spezzini inevitabile.
Una doppietta allo scadere proprio di Bocalon, sancì il passaggio del turno dei piemontesi, impedendo agli aquilotti, allora guidati da Mimmo Di Carlo, di giocarsi la semifinale a San Siro contro il Milan.
Un brutto ricordo dunque che, per evitare ulteriori dispiaceri, dovrà essere arginato nel miglior modo possibile. 

Foto
Grafica SpeziaCalcioNews
Tags

Leonardo Stefanelli

Nato a La Spezia e Diplomato al Liceo Classico Lorenzo Costa, sta frequentando la facoltà di Lettere Moderne presso l'Università di Genova. Calciatore dilettante nella Forza e Coraggio, dal 2017 collabora come redattore di SpeziaCalcioNews.

Articoli Correlati

Commenta

Close