Primo PianoSerie B

La B resta a 19, la decisione più saggia

Alla fine nemmeno il voto negativo del Presidente della Commissione Franco Frattini ha cambiato la decisione finale, la Serie B resta a 19 squadre. Le squadre non ammesse però minacciano di ricorrere a TFN e Tar. IL commento del Presidente della Lega B Mauro Balata.

Alla fine nemmeno il voto negativo del Presidente della Commissione Franco Frattini ha cambiato la decisione finale, la Serie B resta a 19 squadre e forse è la decisione più saggia, anche se il nostro calcio non ne esce di certo al meglio.

Ci sono volute diverse ore di colloqui e di confronti al Collegio di Garanzia del Coni per arrivare alla decisione definitiva sulle istanze prodotte dalle varie squadre che chiedevano il ripescaggio nella serie cadetta.
Questa la disposizione della sentenza:

Il Collegio di Garanzia, a Sezioni Unite, HA DICHIARATO INAMMISSIBILI i ricorsi proposti da Ternana (R.G. 73-2018) e Pro Vercelli (R.G. 74-2018) contro la Lega Nazionale Professionisti Serie B e nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio, della Lega Nazionale Professionisti Serie A, della Lega Italiana Calcio Professionistico, delle società Novara Calcio S.p.A., Robur Siena S.p.A., Virtus Entella s.r.l., Calcio Catania S.p.A.  per l’annullamento del provvedimento assunto dalla Lega Nazionale Professionisti Serie B del 31 luglio 2018, con il quale la predetta LNPB si è rifiutata di emettere le certificazioni di sua competenza, previste dal C.U. n. 18 del Commissario Straordinario in data 18 luglio 2018, nonché della decisione assunta dalla medesima LNPB di pubblicare il calendario del Campionato di Serie B 2018/2019 con l’organico a 19 squadre, resa nota dalla predetta Lega in data 10 agosto 2018, e di ogni ulteriore atto presupposto, annesso, connesso, collegato e conseguente ai predetti provvedimenti e decisioni; nonché i ricorsi proposti da Ternana (R.G. 75-2018) e Pro Vercelli (R.G. 76-2018) nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio, della Lega Nazionale Professionisti Serie B, della Lega Nazionale Professionisti Serie A, della Lega Italiana Calcio Professionistico, delle società Novara Calcio S.p.A., , Robur Siena S.p.A., Virtus Entella s.r.l., Calcio Catania S.p.A.  per l’annullamento delle delibere del Commissario Straordinario FIGC del 13 agosto 2018, pubblicate con C.U. n. 47, n. 48 e n. 49 e del C.U. n. 10 della LNPB, con cui è stato pubblicato il Calendario relativo al Campionato di Serie B 2018/2019, nonché di ogni ulteriore atto presupposto, annesso, connesso, collegato e conseguente alle predette decisioni.

La decisione è stata assunta a maggioranza con il dissenso del Presidente del Collegio di Garanzia e di un componente.

HA DICHIARATO IMPROCEDIBILI PER SOPRAVVENUTO DIFETTO DI INTERESSE i ricorsi promossi da Ternana (R.G. 69-2018), Siena (R.G. 70-2018) e Pro Vercelli (R.G. 71-2018) contro il Novara Calcio S.p.A. e nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), la Lega Nazionale Professionisti Serie A (Lega Serie A), la Lega Nazionale Professionisti Serie B (Lega Serie B), la Lega Italiana Calcio Professionistico (Lega Pro), per l’annullamento della decisione della Corte Federale d’Appello FIGC, di cui al C.U. n. 008/CFA del 6 agosto 2018 (dispositivo pubblicato sul C.U. n. 007/CFA del 1 agosto 2018), comunicata in pari data, con la quale è stata confermata la decisione del Tribunale Federale Nazionale – Sez. Disciplinare, di cui al C.U. n. 8/TFN del 19 luglio 2018 (dispositivo pubblicato sul C.U. n. 7/TFN del 17 luglio 2018), che ha annullato il punto D4 della delibera del Commissario Straordinario della FIGC di cui al C.U. n. 54 del 30 maggio 2018, nonché per l’annullamento di ogni ulteriore atto presupposto, annesso, connesso, collegato e conseguente alle predette decisioni.

A questo punto alcune squadre, come Ternana e probabilmente il Siena, hanno comunque deciso di continuare a lottare, proseguendo nei ricorsi, al TFN e al TAR.
Proprio oggi, il Tribunale Federale Nazionale discuterà il ricorso del Catania che aveva già inoltrato istanza contro la Federazione.
Forse non è stata ancora pronunciata l’ultima parola, ma intanto la Serie B proseguirà il suo percorso, mentre la Serie C avrà finalmente la possibilità di stilare i calendari e partire con il campionato.

Intanto la Serie B esulta per la sentenza, con il presidente Mauro Balata che ha sottolineato: “l’unità e la coesione granitica, mai registrata prima, in questa Lega, dalle 19 società che sono sempre state convinte, prima con le votazioni in Assemblea e quindi con molte dichiarazioni di sostegno di questi giorni, della necessità di adottare un provvedimento richiesto da questo organo fin dal 2011 e da tutti, a parole, invocato da anni. Una iniziativa che vuole soddisfare le esigenze di tutte le società, le nostre e quelle che verranno e alle quali abbiamo il dovere di dare un torneo tecnicamente valido e i mezzi per poterlo affrontare. È il vero obiettivo di 19 società che mi hanno chiesto di intraprendere un percorso di rinnovamento e riforme”.
Continua intanto il lavoro della Lega B sul fronte dei diritti tvha aggiunto il Presidente della Legadel marketing e dell’adeguamento della ripartizione delle risorse. A questo proposito domani si svolgerà un Consiglio direttivo“.

Anche lo Spezia, attraverso le parole dell’AD Luigi Micheli, nei giorni scorsi aveva ribadito l’appoggio alla riforma della Serie cadetta, confermando in proposito la linea di tutte le società.
Ed ora la parola di nuovo al campo, o almeno speriamo che si pensi solo a quello.

Tags

Enrico Lazzeri

Nato a La Spezia, è il Direttore Responsabile della testata, segue lo Spezia con passione e trasporto dai primi anni '80 prima da tifoso, poi da tecnico televisivo ed infine da giornalista. Per anni Direttore di Astroradio, collabora con Tele Liguria Sud dagli anni 80, attualmente opinionista nella trasmissione Voglia di Spezia al giovedì sera.

Articoli Correlati

Commenta

Leggi anche..

Close
Close