IntervistePrimo PianoSerie B

Guido Angelozzi: “Da oggi parte un progetto nuovo: sono qui per costruire qualcosa di importante”

Si chiude un capitolo e se ne apre uno nuovo, ma non troppo: in casa Spezia, ecco il ritorno di Guido Angelozzi, già D.S. della società bianca nella stagione 2014-2015. Dopo tre stagioni trascorse a Sassuolo come direttore dell’area tecnica del club neroverde, Angelozzi torna in terra ligure, pronto per una nuova esperienza lavorativa.

Ecco le prime parole pronunciate dal Direttore Generale dello Spezia durante la conferenza di presentazione, insieme al Presidente Stefano Chisoli, l’Ad Luigi Micheli, e il consigliere Andrea Corradino, svolta presso la sala polifunzionale ‘Rino Capellazzi’ dell’Intels Training Center ‘B. Ferdeghini’.

Ad aprire la conferenza stampa è il Presidente Stefano Chisoli.
“innanzitutto devo dare il bentornato a Guido Angelozzi, ringrazio il patron Volpi che ha sostenuto questa scelta e Felugo che ha avuto un ruolo importante nella trattativa; è stata una scelta condivisa da tutti, da me in primis. Siamo molto felici di riaccogliere qui Angelozzi in un ruolo che qui mancava da qualche anno: il direttore avrà massima libertà di azione, non solo nell’area tecnica, ma anche in quella organizzativa. Andiamo avanti in maniera unita e questo deve essere un segnale forte per il futuro. Un doveroso ringraziamento va a Gianluca Andrissi, che ha raggiunto nella passata stagione gli obiettivi prefissi”.

“Per quanto riguarda l’allenatore, le valutazioni saranno fatte insieme ad Angelozzi” – ha proseguito Chisoli – “Cerchiamo di fare le cose passo dopo passo senza fretta”.

Come avete valutato il gesto importante di Masi e De Col nell’ambito della partita contro il Parma?
“Noi abbiamo fatto subito i complimenti ai due ragazzi per la loro segnalazione; adesso c’è un’indagine in corso e non ne possiamo parlare, ma questa è un’ulteriore dimostrazione del gruppo forte e con grandi valori che c’è qui a Spezia”

La parola è poi passata al neo direttore generale Guido Angelozzi.
“Sono molto felice di essere tornato qui” – ha esordito commosso Angelozzi – ci eravamo visti lo scorso anno con il Presidente e l’Ad Micheli, ma io avevo ancora un contratto e non abbiamo potuto fare niente, mentre adesso è stato più facile. Ringrazio il Patron Volpi, con il quale ho una grande amicizia e tutta la società in ogni sua componente. L’anno fatto qui allo Spezia è stato positivo e ho un bel ricordo, il rapporto con la società, la città e i tifosi è rimasto molto buono. Devo ringraziare il Sassuolo, una società che investe molto sulla costruzione e sui giovani, che mi ha permesso di trascorrere tre anni con successi e traguardi importanti che spero di raggiungere anche qui: Volpi è un amico ed è una persona importante per questa piazza, come ce ne sono poche”.

Ci sarà un direttore sportivo?
“Non ci sarà un direttore sportivo, sono già io un d.s., ci sarà invece un capo scout. Se sarà Doronzo? Per ora non faccio nomi, anche se Doronzo è una persona con cui ho collaborato ed è probabile un suo arrivo”.

“Ho seguito spesso lo Spezia, che a mio parere ha fatto un buon campionato” – ha continuato Angelozzi – “Dal 1 luglio mi aspetto di riuscire a comporre una squadra “simpatica”. La società mi ha fatto tre anni di contratto, quindi si deve iniziare a creare la base per riuscire a conquistare la serie A; non ci si deve aspettare nulla per quest’anno, ma nei prossimi certamente si, altrimenti non sarei venuto qui a Spezia. Ora dobbiamo costruire una base forte per riuscire a raggiungere traguardi importanti: il nostro pensiero è quello di iniziare un percorso nuovo e ricreare qui l’atmosfera c’era in passato”.

“La tematica dell’allenatore è certamente una delle più importanti – ha proseguito il direttore generale bianco – “Stamattina ho incontrato Gallo e abbiamo parlato: la scelta del tecnico è quella più difficile e va fatta con attenzione e convinzione, quindi ci vuole pazienza”.

Uno dei suoi obiettivi sarà quello di svecchiare la rosa?
“Si, questo è uno degli obiettivi: ci saranno diverse operazioni in uscita da fare, sarà un lavoro difficile, ma ne sono consapevole e voglio iniziare al più presto. Chi indosserà la maglia delle aquile dovrà dimostrare attaccamento e cuore, caratteristiche fondamentali”.

Come affronterà le questioni Terzi contestato e del rinnovo del contratto di Maggiore?
“Per quanto riguarda Maggiore, ho parlato con il procuratore e ci sto lavorando: conto sulla professionalità del ragazzo e dei procuratori per trovare la soluzione più giusta. Terzi ha un contratto: sulla contestazione sono dispiaciuto, ma ad oggi non posso dire nulla. Penso che la situazione vada risolta con il buonsenso da parte di tutti perché la cosa più importante è il bene dello Spezia”.

Pensa di optare per un allenatore giovane con prospettiva o per uno con esperienza?
“La nostra idea è quella di trovare un tecnico che sposi la filosofia nuova che vogliamo portare avanti e che sia d’accordo con le linee giuda della società. E’ un percorso difficile, ma io sono pronto ad affrontare tutte le avversità. Non dobbiamo avere paura di niente: ho lavorato a Bari con un potenziale di 40000 spettatori e giocavano ragazzi del ’99 e del 2000 e così abbiamo sfiorato la serie A. Non sono i nomi dei giocatori che fanno una squadra forte, ma organizzazione, serietà e dedizione al lavoro”.

Anche l’Ad Luigi Micheli è intervento parlando del budget per la nuova stagione. 
“Stiamo delineando il budget per il prossimo anno insieme: più o meno sarà quello dello scorso anno, poi sarà la società ad intervenire se e quando lo riterrà opportuno”.

Infine, il consigliere Andrea Corradino ha concluso così.
“Sono felicissimo del ritorno di Angelozzi, una persona dalle qualità morali e professionali elevate e sono certo che sarà fondamentale per questo percorso; quando si parla di programmi, ci vuole la comprensione della piazza sulla tempistica e sui risultati della squadra. L’importanza di una persona come Angelozzi e una società così forte dietro sono le basi giuste per poter far molto bene. In questi anni c’è stata qualche incomprensione di troppo anche nei confronti della società: se si perde una partita, non per questo si abbandona il progetto”.

Foto
SpeziaCalcioNews
Tags

Giulia Lorenzini

Nata a La Spezia, diplomata al Liceo Classico, giornalista pubblicista. Collabora con tuttob.com, prima dell'esperienza televisiva a Sportitalia e quella con la conduzione di uno spazio nella trasmissione Assist Show su Primo Canale. Collaboratrice del Secolo XIX online per la sezione eventi, è redattrice di SpeziaCalcioNews dal 2014.

Articoli Correlati

Commenta

Close